Per quanto non figurino tra i manufatti a più alto coefficiente di deperimento esistenti sul mercato, anche le serrande in alluminio, ferro o acciaio Inox necessitano di alcuni accorgimenti per essere pulite a dovere. Questo non tanto per i pericoli derivanti dall’umidità, come la ruggine, dal momento che anche le serrande costruite in materiali ossidabili – come ad esempio il ferro – vengono oggi trattate con sostanze in grado di ritardare o di arrestare completamente il processo ossidativo. Il problema, semmai, è legato all’efficienza stessa del manufatto: l’accumulo di polvere e sporco, infatti, può rendere più farraginosi alcuni movimenti, mentre l’umidità rischia, a lungo andare, di deformare alcuni elementi costitutivi della struttura o del meccanismo di trazione.

Come procedere

Per agevolare una rapida asciugatura, è sempre consigliabile pulire i serramenti durante delle giornate calde, assolate e poco umide. Se l’operazione viene svolta durante la prima mattinata, la serranda avrà poi il tempo di asciugarsi in maniera capillare durante le ore di luce diurna.

Per la parete esterna, quella maggiormente esposta all’umidità e agli agenti atmosferici, si consiglia di ricorrere ad acqua tiepida saponata, avendo però cura di diluire molto il detergente allo scopo di non lasciare tracce. Una volta pulita la serranda con un panno (meglio evitare spugne troppo abrasive, che possono rimuovere la vernice dalla superficie della serranda), l’ideale sarebbe sciacquare utilizzando un tubo con bocchettone munito di regolatore del flusso, di quelli che offrono la possibilità di dare luogo a getti molto potenti e capillari, in grado di rimuovere in profondità tutti i residui di sporco e di sapone. Infine, dopo aver lasciato asciugare la serranda, è opportuno cospargerla di un lubrificante, che avrà lo scopo di proteggerne la superficie fino al prossimo lavaggio.

Per la parete interna si procede grossomodo alla stessa maniera. Come è ovvio, l’inconveniente è rappresentato dall’impossibilità di esporre pienamente l’interno del manufatto al sole. Si può rimediare utilizzando il riscaldamento interno al vano su cui aggetta la serranda, laddove disponibile, oppure ricorre a delle semplice stufe elettriche, ovviamente a serranda abbassata: l’importante è creare un microclima caldo e secco, in modo da favorire una completa asciugatura.

 

Se devi installare dei serramenti, rivolgiti a Serman Serrande, azienda leader in tutta la Puglia nella produzione di serrande in alluminio e serrande in policarbonato.